Vince Tonazzolli; sul podio Castellan e Kudiyev.  Primo impegno post campionati italiani XCO per i giovani atleti del Bike Movement Trentino Erbe, con una breve pattuglia del sodalizio di Lavis, impegnata a Maras di Sospirolo, in provincia di Belluno, all’Xc Sospirolo penultima prova del circuito Fci del Veneto Cup. Negli Esordienti del I anno (13 anni) gara impeccabile per il vice campione italiano Christian Tonazzolli, che vince con merito ed autorità, Quattordicesima piazza per Riccardo Hy Chey: 28^ Mattia Pichler. Piazza d’onore, invece, per Giacomo Castellan, giunto secondo in fascia II (14 anni) per quanto concerne gli Esordienti. Una buonissima prova da parte di Giacomo, biker che lo ricordiamo è giunto sesto agli ultimi Italiani disputati a Bielmonte. Buon sedicesimo posto per Paolo Biondetti atleta che precede di tre posizioni il compagno di squadra Gioele Cobelli. Negli Allievi del I anno (15 anni), infine, molto bene Marc Kudiyev atleta che sale sul terzo gradino del podio. Un plauso anche ad Isacco Pichler (quattordicesimo): 18^ Luca Defant, 21^ Davide Coster Comi.
Grande partecipazione al corso di mtb allestito dalla società del Bike Movement Trentino Erbe Circa 50 bimbi dai 4 ai 12 anni suddivisi per capacità ed età, presenti nei vari corsi che si sono tenuti da metà maggio a fine luglio. L’ultimo si è disputato nello scorso fine settimana. I gruppi gestiti dai maestri Viviana Zini, Roberto Furlini, Tonazzolli Luca , Bizzotto Mirko, Elton Stafa, Alessio Maffi ed Ivan Degasperi, hanno percepito molto bene dell’importanza di questi corsi, ascoltando con attenzione i consigli rilasciati dai vari tecnici e maestri, il tutto in un concetto di grande divertimento e di forte aggregazione << Un forte ringraziamento al comune di Lavis- precisa Ivan Degasperi- che ringraziamo per averci dato lo spazio e poter usufruire il prato del torrente Avisio. Un ringraziamento anche ai bacini montani del territorio, nonché ai genitori che ci danno piena fiducia in quello che facciamo. Lo scopo dei nostri corsi non è un richiamo fondamentale verso l’agonismo ma soprattutto insegnare ai giovani bikers l’educazione delle bici ed amarla a 360 gradi, ovviamente con la speranza che questi giovani atleti- conclude De Gasperi- possano intraprendere una passione per questa […]